Blog: http://dirittodiresistenza.ilcannocchiale.it

il pd regola e deroga

Trovo interessante l'attitudine che sta dimostrando in pd a darsi, autonomamente, regole per il piacere di infrangerle o aggirarle. Dallo statuto del pd:
articolo 22 comma 2:
"Non è ricandidabile da parte del Partito Democratico per la carica di componente del Parlamento nazionale ed europeo chi ha ricoperto detta carica per la durata di tre mandati."

 Ma al comma 7 dello stesso articolo:
"La deroga può essere concessa soltanto sulla base di una relazione che evidenzi in maniera analitica  il  contributo  fondamentale  che,  in  virtù  dall’esperienza  politico-istituzionale,  delle competenze e della capacità di lavoro, il soggetto per il quale viene richiesta la deroga potrà dare nel successivo mandato all’attività del Partito Democratico attraverso l’esercizio della specifica carica in questione. La deroga può essere concessa, su richiesta esclusiva degli interessati, per un numero di casi non superiore, nella stessa elezione, al 10% degli eletti del Partito Democratico nella corrispondente tornata elettorale precedente. "

Ovviamente la deroga è stata concessa a d'alema, fassino, serafini (la moglie di fassino) ecc.







Pubblicato il 27/9/2008 alle 19.54 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web